30 ottobre 2013

Tu lo chiami Halloween, io Ognissanti. Oss da Mord


Oss da mord @monsieurtatin.blogspot.it


Non ho mai pensato ad Halloween come ad una festa da vivere.
Ho sempre pensato a  "dolcetto o scherzetto" non come preziosa fonte di multiculturalismo, ma come un intromissione commerciale e totalizzante, che chissà per quale motivo ci siamo trovati a fare nostra.
Per carità, tutto il noir ed il grottesco, quell'atmosfera alla Tim Burton, è splendidamente divertente. 
Però è un peccato che non siamo riusciti ad integrare tutto questo con le nostre tradizioni povere e contadine, oscurate, anzi abbagliate dai lustrini d'oltreoceano.
È per questo che non vi propongo cupcakes riccamente glassati o cookies dalle sembianze stregate.
Vi lascio però la ricetta di questi dolcetti antichi e croccanti, con un nome tutto italiano e tanto terrificante da far rabbrividire anche Jack O'Lantern.

Oss da mord - Ossa da mordere

(ricetta di Omar Busi - Profumi dal forno) 

Impasto scuro (dosi per circa 15 pezzi)
250g di zucchero a velo
250g di nocciole tostate 
12g di cacao amaro
q.b. di albume
Procedimento:
Tritate grossolanamente le nocciole e mescolate in una ciotola insieme allo zucchero a velo. Aggiungere ora poco per volta l'albume d'uovo, fino ad ottenere un impasto umido ma sufficientemente sodo da poter essere lavorato.
Stendetelo con l'aiuto di un mattarello ad un altezza di circa 1 cm e tagliatelo in quadrotti di 2x2cm.
Sistemate i ritagli su una teglia foderata di  carta forno e lasciateli asciugare a temperatura ambiente per 2 ore.
Trascorso il tempo necessario, infornateli con la ventola accesa a 150°C per 20-30 minuti. Inserite il manico di un cucchiaino da caffè tra il telaio e lo sportello del forno, in modo che rimanga uno spiffero che sarà utile a far uscire l'umidità. Gli oss saranno cotti quando picchiettandoli sul fondo faranno un suono sordo di vuoto. 

Oss da mord @monsieurtatin.blogspot.it
Oss da mord
Il Sig. Tatin consiglia: 
È molto difficile determinare la quantità di albume da utilizzare, poiché è molto piccola e dipende dall'umidità e dalla granulometria delle vostre polveri. Io ho ne utilizzato circa 15g (più o meno 1/2 albume).
All'inizio l'impasto risulterà particolarmente appiccicoso, vi consiglio di lasciarlo asciugare qualche minuto ed eventualmente di aiutarvi inumidendo le mani per stenderlo meglio.
Anche il tempo di cottura dipenderà da quanto sono riusciti ad asciugare i dolcetti prima dell'infornata; nel mio forno ci sono voluti circa 40 minuti, quindi fate sempre la prova tattile indicata sopra per essere sicuri che siano pronti. 
Il maestro Busi suggerisce anche una variante più classica fatta utilizzando le mandorle ed omettendo il cacao. 
Vi segnalo inoltre che questi dolcetti sono naturalmente privi di glutine e non contengono latticini.

40 commenti:

  1. ah sì...quelli che porterai in dote ^_^ Bravo Leo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si! Sono i confetti per la Sposa Cadavere :)

      Elimina
  2. Sono d'accordo con te, più che altro Halloween è diventata una festa per i bambini, non ci sono certo le credenze di una volta...
    e poi, quando si parla di business, figurarsi se non arriva anche qui...
    buone queste ossa, complimenti!
    Un abbraccio. Stefy

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Stefy!
      Ogni tanto ci si dimentica di questi dolcetti, mentre secondo me sarebbero graditissimi anche ai bimbi. È se proprio si vuole si può tentar di modellarli a forma di osso, anche se forse in cottura si sformano un po'
      Ciao ! Leo

      Elimina
  3. Sei unico e grande, Leo. Adoro i tuoi pensieri e il modo di scrivere. Amo i tuoi consigli e i tuoi piatti sono classe pura. E' vero, cosa meglio degli ossi dei morti per celebrare questi giorni? Altroché dolcetto o scherzetto (pensiero condiviso in toto), io arrivo da te diretta!! ^_^
    Un abbraccio e ancora complimenti. Hai sempre qualcosa di meraviglioso da insegnare!! E da te io apprendo molto volentieri.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Erica grazie! Mi fai arrossire con tutti questi complimenti così appassionati.
      Dici che sono di classe questi dolcetti? Certo, la ricetta è di un pasticcere stimato e famoso, ma in fondo sono semplici e antichi.
      Buonissimi sicuramente però.
      Ciao Leo

      Elimina
    2. E per questo non dovrebbero essere apprezzati? Facciamo così: lasciamo a tutti cupcakes e affini e tu ed io ci gustiamo queste prelibatezze! Ci stai? ^_^

      Elimina
  4. Ma che buoni ed a parte la questione dell'albume...relativamente facili da fare. Ti dirò che sono buoni anche fuori Halloween per sganocchiare. Presa la ricetta però devo stare attenta il mio forno è ventilato e quindi alle volte le cose si asciugano troppo.
    Buona serata.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In questo caso va bene! Devono essere belli secchi per diventare croccanti

      Elimina
  5. eh si!! cupcakes, fantasmi e zucche stanno surclassando i nostri dolci commemorativi di tutt'altra tradizione! Ed è vero i nostri sono altrettanto buoni ed hanno nomi da paura! Io preparo le "fave dei morti"... buonissime!! e buonissimi i tuoi!!! A presto Marina

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Marina!
      Già sono diffusi un po' in tutta italia. Credo che le fave dei morti siano molto simili a queste. Ciao

      Elimina
  6. Non amo affatto tutte le smancerie che, ultimamente, si fanno per halloween qui da noi. Ricordo che da piccola avevo la mia bella zucchetta svuotata con una candelina accesa, e mia madre mi comprava i torroncini. Altro che dolcetto o scherzetto!
    Apprezzo tantissimo questo dolce che hai proposto. Sa di tradizioni vere, sa di nostro. E il nome, poi, è azzeccatissimo, hai proprio ragione!
    Ciao Leo, è sempre un piacere leggerti. :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille!
      Si è un dolce molto antico. La versione più vecchia è quella con mandorle e senza cacao.
      Ciao

      Elimina
  7. Condivido per quel che riguarda il pattume che riusciamo ad importare degli usi e abusi esteri. Ricordo che da bambina mia nonna lasciava sempre la tavola apparecchiata con del pane e del latte, nella notte tra il 1 e il 2 novembre. Diceva che in nostri cari ormai defunti sarebbero passati per respirare ancora un po' dell'odore della loro casa. Io ero terrorizzata e passavo la notte sveglia sotto le coperte con le orecchie tese ad ogni minino fruscio, accidenti. Le ossa dei morti si usa farle anche da me. Gran bella ricetta Leo.
    Grazie. Un bacio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A casa mia invece niente commemorazioni particolari. Ricordo solo che si comprava dal panettiere il pan dei morto e si accendevano i lumini davanti alle foto dei cari trapassati. Un po' come i romani facevano con i penati.
      Non lo so con certezza, ma immagino che questi dolci e queste tradizioni siano molto antiche.
      Un abbraccio!

      Elimina
  8. Ottimi questi dolcetti, perfetti per Halloween ma anche per tutto il resto dell'anno ;)
    Un bacio!

    RispondiElimina
  9. anch'io non preparo nulla di mostruoso o decorato giusto una torta ma semplicissima e rustica!! volevo preparare anche questi biscotti ma quest'anno non ci sono riuscita!!! però sembrano proprio croccanti e buoni!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si sono molto croccanti. Buoni e molto conservabili

      Elimina
  10. Ottimi, anche io li voglio fare, ma oggi sono ferma ....di entrare in cucina proprio non mi va..... :-(

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bhe allora ci saranno altre occasioni. Sono ottimi sempre!

      Elimina
  11. Adorabili questi biscotti, mi piace come scrivi Leo... Complimenti!

    RispondiElimina
  12. Eh, lo sapevo io che dovevo aspettarmi qualcosa di questo tipo da te! lo dico in senso positivo, sia chiaro :) Mi piacciono tanto, da provare al più presto (anche se Halloween sarà passato;P )

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai ragione. A dispetto del nome io ce li vedrei bene anche dentro la calza della befana :)

      Elimina
  13. Anche a casa mia niente Halloween...credo sia solo commercio e niente più! E tutti quei cupcakes farciti mi danno il vomito...
    Questo dolce dal nome tenebroso mi ispira invece assai...ho troppe tue ricettine da fare e non so da quale iniziare!

    Un abbraccio
    Silvia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Da quella che vuoi, Silvia!
      Basta che poi mi dici come sono venute. Ciao Leo

      Elimina
  14. ...e meno male che la tua classe ti ha impedito di pubblicare cose raccapriccianti tipo dita mozzate, palle di occhi iniettati di sangue, ecc... Ma ti rendi conto che queste cose le preparano per i bambini? Io, da adulta, farei molta fatica a mangiarli...
    I gusti sono gusti... Ma vuoi mettere i tuoi Oss da mord? Il nome forse fa ancora un po' strano, ma è tradizione nostra e l'aspetto è quello di un dolce molto molto invitante.
    A conferma del fatto che halloween mi porta sfortuna, ho avuto un incidente che ha comportato la cancellazione di tutte le immagini del mio blog!!!!! Ora devo rimediare:(
    Ciao!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sai, io non mi scandalizzo per questo senso del macabro. In un certo senso è un modo per esorcizzare la morte.
      Anche noi con le tradizione nostrane lo facciamo: se ci pensi oss da mord non è proprio un nome invitante :)
      Mi spiace per il tuo blog, spero riuscirai a sistemare tutto.
      Ciao Leo

      Elimina
  15. deliziosi biscottini, sempre molto raffinato, bravissimo!!!!!

    RispondiElimina
  16. secondo me al di là del significato puramente "markettaro" (leggi marketing) c'è anche una componente legata alla voglia di festeggiare. e devo dire che nemmeno la capisco la festa di AULIN come disse la mamma di un mio amico, però il 31 sono uscito travestito da zombie e mi è piaciuto :) proprio come queste ossa dei morti! complimenti monsieur!

    RispondiElimina
  17. Gnam!! I dolci a Novembre rendono l'autunno più magico ^_^ Quello di cui parli tu sembra invitante,bel post ;) Ciao!

    RispondiElimina
  18. Caro Leo, sono contenta di non essere l'unica che snobba completamente Hollowen. Personalmente mi rattrista molto pensare che abbia soppiantato due feste cristiane molto importanti come la commemorazione dei defunti e tutti i santi. Ma si sa che la morte, sebbene sia l'unica certezza che accomuna ogni vivente, è un tabù al punto che nemmeno nei necrologi viene nominata.
    Questi dolcetti li conosco, mi hai fatto ricordare che sono almeno due anni, cioè da prima che aprissi il blog, che non li faccio. Invece ho pubblicato la versione con le mandorle. Tra l'altro sono un'ottima ricetta per smaltire gli albumi. Buona settimana ! :)))

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io non sono credente, ma so riconoscere la bellezza delle nostre tradizioni.
      Mi spiace un po' quando vengono violentate da quelle estere.
      Verrò a sbirciare la tua versione degli oss del mord

      Elimina
  19. Queste sì che sono ossa per i miei denti! Condivido in pieno il tuo pensiero rispetto a questa festa di moda da qualche anno a questa parte. Ottimo il tuo richiamo alla tradizione con questa ricetta.
    saluti Su

    RispondiElimina
  20. Tremate gente tremate!!!! Preferisco i nostri Ognissanti e...i tuoi dolcetti! ciaoooo

    RispondiElimina

Grazie per essere passato di qui. Se ti piacciono le mie ricette e se ti va, seguimi! In questo blog i commenti sono moderati, pertanto ti risponderò non appena possibile.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Le ricette e i pasticci del fratello perduto delle sorelle d'oltralpe