9 ottobre 2013

Dell'autunno e dell'amor. Di Polenta...

Amor di polenta @monsieurtatin.blogspot.it
Ottobre è arrivato anche quest'anno. 
E io non voglio parlarvi dell'amor cosmico che tacitamente fa mutare le stagioni
Ma nemmeno di Paolo e Francesca. 
Nè di quanto l'umidità di questi giorni mi faccia amare il potere benefico che  gli antinfiammatori hanno sul mio mal di schiena.
Forse di quanto il brasato si sciolga d'amore nel suo sughetto per una folle passione nei confronti della polenta? 
Nossignori (e nossignore visto che in maggioranza qui siete gentil donzelle)! 
Questo è un blog di pasticceria, perciò accontentatevi di tutto l'amore che può dare una fetta di questo splendido dolce varesino. 

Amor di polenta 

Dosi per uno stampo di 30cm di lunghezza
200g di burro
166g di zucchero a velo o extrafine
150g di uova (di solito 3)
50g di tuorli (di solito 3)
100g di farina 00
33g di fecola di patate
133g di farina di mais fioretto
40ml di rum di buona qualità
8g di lievito chimico
1g di sale
Procedimento:
Montate in planetaria o con le fruste elettriche il burro a pomata con lo zucchero finché non sarà soffice e spumoso. Aggiungete a filo e poco per volta le uova e i tuorli che avrete precedentemente battuto con il sale, continuando a montare finché il composto sarà perfettamente amalgamato e bello gonfio. Aggiungete il rum a filo continuando a sbattere con le fruste. Setacciate ora insieme tutte le farine con il lievito ed aggiungetele a pioggia alla massa montata, amalgamandole con una spatola rigida.
Versate ora l'impasto nella tipica teglia da tronchetto ben imburrata ed infarinata con il fioretto di mais. Cuocete a 170°C per 45-50 minuti o comunque finché la prova stecchino non vi indicherà l'avvenuta cottura.

Amor di polenta @monsieurtatin.blogspot.it
Amor di polenta

Il Sig. Tatin consiglia:
Questo tipo di impasto appartiene alla grande famiglia della masse montate al burro. Come per tutte queste tipologie di cake ad alto contenuto di grassi, per la perfetta riuscita richiede solo piccole accortezze: che il burro venga ben montato in modo da incorporare aria; che i liquidi siano aggiunti a filo e lentamente, per fare in modo che il loro quantitativo di acqua si emulsioni perfettamente alla massa di grassi; che gli ingredienti siano a temperatura ambiente; che le farine siano aggiunte a pioggia e che siano ben setacciate.
Tutte queste procedure, oltre a garantire un perfetto incorporo dell'aria, evitano soprattutto che l'impasto granisca, cioè che i grassi si separino dalla componente acquosa. Se questo accade, oltre a perdere buona parte dell'aria così faticosamente incamerata, il dolce "trasuderà" grasso una volta cotto e sarà sgradevolmente untuoso al palato.
Non omettete il rum e non sostituitelo con altro liquido, perché oltre a conferire un ottimo aroma, favorisce la sofficità del dolce aiutando la lievitazione (non preoccupatevi per l'alcool perché evaporerà completamente in cottura).
La farina fioretto, a grana più fine, è la farina di mais indicata per questa ricetta: quella bramata da polenta ha dei granelli troppo grossi che renderebbero l'impasto troppo "sabbioso".
Come tutti i piatti tradizionali, questa torta (conosciuta anche con il nome di Dolce Varese) può essere fatta seguendo diverse ricette ed è probabile che ogni famiglia lombarda custodisca la propria. 
Io vi ho presentato la mia, senza la pretesa di essere l'originale, ma con la sicurezza della bontà che io ed i miei ospiti apprezziamo sempre.
E a proposito di  Lombardia, se vi va, vi invito a scoprire il nuovo blog di una cara amica, che con il suo amore per la città e la sua fervente curiosità ci farà scoprire gli angoli bellissimi e sconosciuti di Milano. La trovate qui: conoscimilano.blogspot.it/


Amor di polenta @monsieurtatin.blogspot.it
 
Con questa ricetta partecipo al contest di "Mela e Cannella"
 
 

 

46 commenti:

  1. Bella e buona!!
    Adoro le preparazioni con la farina di mais!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie! Questa è buonissima. Se ne sente tutto il sapore!

      Elimina
  2. è da un pezzo che mi dico di preparare questo dolce, mi sa che con la tua ricetta e le tue indicazioni è la volta buona!!
    almeno spero...
    un abbraccio e buona giornata.
    Stefy

    RispondiElimina
  3. Ciao Stefy! Fammi sapere com'è venuta se la provi!

    RispondiElimina
  4. Ogni volta che leggo una tua ricetta rimango stupita per l'originalità e la competenza! Straordinario!
    Mille volte grazie per avere citato il mio neo-nato blog!!! Sono così contenta che ti sia piaciuto!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E allora adesso devi metterti ad infornare anche tu!

      Elimina
  5. Meraviglia!! <3
    Ti rubo una fettina e ti mando un abbraccio sincero e affettuoso caro Leo ! ;)

    N.

    RispondiElimina
  6. NOn ho l'apposito stampo purtroppo ma mi ha sempre incuriosito!!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Giuliana!
      Puoi provare con lo stampo da plumcake se vuoi. Cambia la forma ma è buono uguale. Ciao Leo

      Elimina
  7. Senz'altro buona la passo a figlia per nipote colazione visto che il frumento non va tanto bene e questa mi sembra perfetta per la colazione. Grazie e buona serata-

    RispondiElimina
  8. Quanto e' invitante, con il suo colore giallo sole! Devo provarlo assolutamente sai? Grazie!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Merito del mais e dell'aggiunta di tuorli!
      Provalo. Ciao Leo

      Elimina
  9. Mai assaggiato.
    Ma sono contenta di essermi portata la farina di mais fine dall'Italia ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In effetti temo che fuori dalla Lombardia non sia molto noto.
      Ma se hai la farina fine e sei stufa di fare paste di meliga questa può essere una buona alternativa :)

      Elimina
  10. Francesca: presente! aspetto il mio "Paolo" però :-) E anche una fettina dell'amor polenta che tu, sono sicura, hai eseguito magistralmente. Bravo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per le fettine posso aiutarti: anche 2!
      Ma sei sicura di aspettare proprio Paolo e non, chessò, Giovanni? Quei due fecero una brutta fine :)

      Elimina
  11. Risposte
    1. Fate l'amore (di polenta) e non fate la guerra!

      Elimina
  12. Non l'ho mai assaggiato.

    Ma mi ispira tanto! Lo sai che amo questi dolci qui! :)
    La farina di mais fine è quella che serve anche per il semolino? Non sono un'esperta di farina per polenta; quando arrivo allo scaffale delle farine non so mai quale prendere.

    RispondiElimina
  13. Ciao!
    In realtà per fare il semolino si usa farina di grano duro (la semola fine).
    Per questo dolce devi cercare la farina di mais fine. Sulla confezione ci deve essere scritto "farina di mais fioretto" o "farina di mais fumetto".
    Quella per la polenta di solito è la bramata.
    Spero di esserti stato d'aiuto. Un abbraccio!

    RispondiElimina
  14. Ciao Leo.
    Gran bella ricetta. Io adoro la polenta. Quella valdostana. Ma di solito accompagnata da carne o funghi.
    Comunque mi ha fatto piacere che viene bagnata da rhum, Mi ricorda la mia terra e il suo babà. Mia mamma ne fa uno insuperabile. Ricetta del nonno. Sai io avevo un nonno che faceva panettoni, giù al sud. Un mito.
    Abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono contento che la ricetta ti sia piaciuto, ma in realtà non viene bagnato col rum. Quello va proprio dentro l'impasto. :)
      Senti, non è che trafughi la ricetta del nonno per me? O è coperto da copyright?
      Abbracci alcolici

      Elimina
  15. La adoro! Io uso spessissimo la farina bramata...grazie alla celiachia si usano diverse farine e quella di mais conferisce un sapore particolare a torte e biscotti...complimenti!!
    Simo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Simo!
      Non credo si possa fare con sola farina di mais, ma penso che se sostituisci quella 00 con quella di riso possa comunque riuscire buona.
      A presto! Leo

      Elimina
  16. Che spettacolo! mi sto da poco ioltrando nel mondo della polenta salata. Il prossimo step sarà questo amore di polenta che già dal nome mi ha sedotto!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dovrai sentirne il sapore allora! Baci!

      Elimina
  17. eh che meraviglia :) qui la Fioretto non l'ho mai trovata... dici che posso prepararlo ugualmente? oppure potresti inviarmene tu un paio di fette :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahaha spedizione celere di fette allora!

      Elimina
  18. Ciao!
    pur avendo sentito parlare spesso di questo dolce, sai che non l'abbiamo mai assaggiato?
    Sembra davvero perfetta per una merenda con una tazza di the in queste giornate fredde!!

    A presto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. È di sicuro conforto, in ogni momento della giornate :)

      Elimina
  19. Quella è la sua forma tradizionale, vero? lo sai che cerco lo stampo da un bel po' ? comunque il tuo dolce mi istiga a prepararlo anche senza stampo adatto :P
    P.S. dobbiamo approfondire il tema dell'amore cosmico che fa mutare le stagioni, è così affascinante!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il tema dell'amore cosmico è un po' dantesco come concetto no?

      Si la forma è quella tradizionale. Lo stampo lo trovi anche su amazon, anche se lo chiamano stampo per ciabatta
      http://www.amazon.it/gp/aw/d/B006K0TKMI/ref=mp_s_a_1_1?qid=1381498554&sr=8-1&pi=AC_SX110_SY165
      Ciao Leo

      Elimina
  20. Io lo rifaro ' , memore dei tuoi preziosi consigli , nello stampo da plum cake .Lo stampo tipico sarebbe una caccavella in piu' nella mia collezione....e dovrei uscire di casa io per fare posto.
    Grazie Leo , buon w.e.
    Vivi

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Come sapore è ugualmente ottima!
      Buona settimana!

      Elimina
  21. Ne prendo una fetta che finisce subito nel tè!!! Mi sembra di sentie il profumo!!

    RispondiElimina
  22. Voglio provarla anch'io!!
    Grazie per la condivisione!

    http://restaau.it/Browse/miglior-ristoranti-italiani-a-roma.html

    RispondiElimina
  23. da buona lombarda amo la farina di mais, la polenta, i dolci rustici e deliziosi come questo, che in realtà tanto rustico non è....
    posso rubartene una fettazza?!
    ecco, anche lo stampo, mi manca......... scherzo, nè?!
    un abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. è un dolce che amo, quindi dopo tanto cercare non ho potuto fare a meno di prendermelo, lo stampo :)
      Tanto prima o poi mi inventerò altri modo di utilizzo :)

      Elimina
  24. Non lo preparo da una vita, magari prossimamente riprendo la ricetta della nonna e vediamo cosa viene fuori, è passato così tanto tempo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si dai! Così confrontiamo le ricette di famiglia :)

      Elimina
  25. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  26. Ho sentito molto parlare dell'Amor Polenta, ma mai assaggiata, la tua realizzazione mi sembra splendida e invitante, le ricette di famiglia sono sempre una garanzia, proverò sicuramente a rifarla, grazie per la ricetta, ciao, a presto ....

    RispondiElimina

Grazie per essere passato di qui. Se ti piacciono le mie ricette e se ti va, seguimi! In questo blog i commenti sono moderati, pertanto ti risponderò non appena possibile.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Le ricette e i pasticci del fratello perduto delle sorelle d'oltralpe