18 luglio 2013

La Britannia, Maria Stuarda, il royal baby e le tortine di carote.

Tortine di carote @monsieurtatin.blogspot.it

Come avevo preventivato, questa settimana il nuovo lavoro mi ha portato lontano dall'Italia e dai miei blog preferiti.
La prima trasferta è stata a Londra, terra ricca di storia, monarchici, (alcuni) buoni cibi, guerre di sangue e regali puerpere.
L'attaccamento dei britannici per la loro monarchia è una cosa che non riesco comprendere in questo secolo. E non parlo con giudizio morale, seppure orgogliosamente mi definisca un fervente repubblicano. E' che proprio cognitivamente non riesco a capire come quasi un intero popolo possa essere interessato alle vicende personali  di una vecchina mal vestita, di suo figlio cornuto e fedifrago, di suo nipote truzzo e festaiolo e del suo bisnipote ancora trattenuto nelle acque placentari.
Quando quella terra era infestata di lotte di potere e di religione, come ai tempi della poor Maria Stuard, aveva un senso accalorarsi per le vicende dei propri regnanti, anche perchè spesso ne andava della propria libertà di culto o della propria salvezza.
Della  vicenda di questa povera decapita, Donizzetti ne ha fatto un opera grandiosa la cui genesi fu parecchio sfortunata a causa dei continui litigi tra le interpreti di Maria e di Elisabetta. Si racconta che il buon Gaetano, stufo del continuo accusarsi delle due di essere la favorita di turno del compositore, sbotto in una frase che di sicuro non identifica correttamente quello che erano le due regine cinquecentesche, ma sembra essere premonitrice di quel gran puttanaio che dal XX secolo ha caratterizzato le vicende della famiglia regale e gli interessi gossippari dei suoi sudditi:
 "Io non proteggo nessuna di voi due, ma due puttane erano quelle (Elisabetta e Maria) e due puttane siete voi due"
PS. La carrot cake è un tipo dolce da forno inglese, qui di sotto versione che faccio io, tramutata in tortine.

Tortine di carote

Dosi per 8 tortine
140g di albume
90g di zucchero
100g di tuorlo
90g di zucchero
270g di farina di mandorle
270g di carote grattuggiate
45g di farina 00
1g di cannella
la scorza grattuggiata di 1/2 limone
1 pizzico di sale
Procedimento 
Montate a neve  ben ferma l'albume con i 90g di zucchero e tenete da parte. Miscelate le carote grattuggiate con la farina di mandorle, montate i tuorli con lo zucchero rimanente finchè non saranno chiari e spumosi e versatevi il composto di carote e mandorle. Setacciate due volte la farina con il sale, la cannella e la scorza di limone, amalgamatela con delicatezza al mix di carote-uova-mandorle e per ultimo aggiungete l'albume montata con delicatezza e con movimenti dal basso verso l'alto.
Versate il composto in 8 pirottini da muffin fino a 3/4 della loro capacità e cuocete in forno caldo a 170° per 15-20 minuti (fate comunque la solita prova stecchino di verifica).
Tortine di carote @monsieurtatin.blogspot.it
Tortine di carote

Il Sig. Tatin consiglia
Stavolta niente consigli! Più facile di così...
Se proprio volete un idea carina, provate a farle con le carote nere, per ottenere un effetto violaceo accattivante. Vi lascio solo con un osservazione: questa torta non contiene latticini (niente burro), ma nemmeno altri oli aggiunti. Quelli delle mandorle e l'umidità delle carote sono sufficienti per ottenere delle tortine sofficissime, se si possono anche congelare una volta ben impellicolate.

Con questa ricetta partecipo al contest "ricordi di viaggio"

 

22 commenti:

  1. E' che Maria Stuarda fece proprio una brutta fine.
    Ma mi piaceva, la "Sanguinaria".
    E mi piaceva sua cugina, di più.
    Che famiglia di emerite b.......
    Detto questo che piacere scoprire una ricetta facile e buonissima.
    Bentornato!

    RispondiElimina
  2. Bellissima l'introduzione (sono ancora qui che mi sganascio!) e interessanti le tortine; al posto della farina, secondo te, posso usare fecola o maizena?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Lucia,
      Non ho mai provato così, quindi non saprei. Così ad occhio mi verrebbe da dire che la maizena è meglio della fecola, ma è solo una sensazione "a pelle". Se per caso le provi così fammi sapere, perché sarebbe un ottima versione gluteen free se riesce.

      Elimina
    2. Grazie cara!
      Il destino però ha favorito la cattolica, visto che Elisabetta morì senza eredi, e sul trono ci finì il figlio di Maria.

      Elimina
  3. Mi piacciono molto i dolci con le carote; splendide le tue tortine!!!!

    RispondiElimina
  4. Ciao, Leonardo! Grazie per la tua divertente e istruttiva introduzione! E grazie per queste tortine golosissime!
    Ben tornato!
    Un caro saluto
    MG

    RispondiElimina
  5. ma sai non ho mai capito per chi "tifare" tra le due cugine... però so che queste tortine, fatte in versione mini, mi piacciono molto :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Insomma anche tu la vedi come il buon Gaetano.
      Ciao!

      Elimina
  6. Molte buone le torte di carote.Gli inglesi sono ossessionati dall'icing ed e' parecchio difficile trovare una torta di carote "nature".E la cosa non guasta,anzi...
    Complimenti,buona domenica.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In effetti anche questa ricetta, nella sua versione originale, prevedeva un frosting di cream cheese e scorza di limone, ma io ho preferito ometterlo perché così "nature" mi sembravano più estive :)
      Ciao Leo

      Elimina
  7. ci ha visto lungo il buon gaetano :-))) buona permanenza a londra e che ispiri cose buone

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Günther!
      Già tornato in realtà, ma pieno di ispirazioni golose (e un nuovo libro di dolci inglesi mi aiuterà )
      A presto!

      Elimina
  8. Ciaooo!! Sono capitata qui per caso....che bel blog!!! È piacevole leggerti!!!! ^_^
    Ciaoooooo

    RispondiElimina
  9. Carissimo bel racconto e bel tortino ma passo detesto le carote....da sempre.
    Prova a vedere se riesci a trovare la ricetta originale del "welsh rarebit".
    Ciaooooooo buon lavoro.

    RispondiElimina
  10. Ciao Leonardo,
    ho adorato l'introduzione a queste tortine di carote. Il mistero sui britannici e l'amore per la monarchia non sarà mai svelato, io ho vissuto in UK per 6 anni e non sono riuscita a venirne a capo. Anche i miei amici più moderni o strampalati avevano un inspiegabile attaccamento per la monarchia...mah...
    Quanto alle tue tortine, le proverò, e le congelerò visto che in casa non piace questo tipo di dolce e mangiarle tutta in un colpo solo mi pare troppo anche per una golosa come me! :D
    A presto!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ciao Debora!
      Mi consola il fatto che anche per chi è stato tanto nel regno unito, tutto questo rimanga misterioso.
      Vedrai che le tortine non ti deluderanno nemmeno da scongelate :)

      Elimina
  11. e sulle note dei regnanti ti chiedo di farmi visita, e vedrai....
    http://unafettadiparadiso.blogspot.it/2013/08/blog-100-affidabile.html
    ciao Leo,
    Vale

    RispondiElimina
  12. Ciao Leonardo!
    Che piacevole scoperta il tuo blog, sono assolutamente conquistata dal sapore autentico e un pò retrò delle tue ricette e dalle foto, oserei definirle 'd'autore' da quanto sono belle e particolari. Proverò volentieri queste deliziose tortine al più presto!
    Un caro abbraccio e buona domenica
    Evelin

    RispondiElimina
  13. Ciao Evelin!
    Ber trovata e grazie mille per i complimenti. Pensa che le foto le faccio col cellulare...:)
    A presto e grazie ancora

    RispondiElimina

Grazie per essere passato di qui. Se ti piacciono le mie ricette e se ti va, seguimi! In questo blog i commenti sono moderati, pertanto ti risponderò non appena possibile.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Le ricette e i pasticci del fratello perduto delle sorelle d'oltralpe